Festival del diritto
Home
05 aprile 2017
Ci siamo quasi!
Edizione primaverile per il Festival del Diritto di Piacenza, che venerdì 7 e sabato 8 aprile ripropone, per il decimo anno, la collaudata formula della kermesse che approfondisce i grandi temi del nostro tempo, nell’ottica della giurisprudenza, della filosofia, della politica e della cultura.

Il Ministro per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro sarà l’ospite d’eccezione nella giornata di apertura: alle 11.30, nel salone monumentale di Palazzo Gotico, interverrà su “Il futuro delle istituzioni fra partecipazione dei cittadini, movimenti politici, orizzonte della Repubblica”. A Nicoletta Parisi, docente di diritto internazionale e consigliere Anac, è affidato il focus di sabato 8, alle 12, all’auditorium Sant’Ilario, su continuità e innovazione, in Italia e all’estero, nell’azione di contrasto alla corruzione, fra pubblica amministrazione e attività privata.

Due eventi di rilievo tra i tanti che andranno a comporre un calendario come sempre intenso, in cui sarà forte la componente del coinvolgimento di associazioni e tessuto scolastico locale. Dal tema della dignità nella sofferenza al ruolo delle donne che hanno cambiato il mondo, dal rapporto tra etica e politica al dialogo come fonte di resistenza e contrasto agli estremismi: saranno molteplici, anche questa volta, gli argomenti che il Festival tratterà nella consueta prospettiva multidisciplinare, capace di intrecciare un dibattito di alto livello intellettuale all’efficacia della divulgazione.

Dignità, futuro, bene comune, partecipazione, pubblico e privato, questioni di vita: sono solo alcuni tra i titoli delle edizoni passate, caratterizzatesi per la presenza di relatori autorevoli tra cui Zygmunt Bauman, il presidente emerito della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky, il premio Nobel per la Pace Shirin Ebadi, i fondatori di Emergency, Gino Strada e di Libera, don Luigi Ciotti, scrittori come Simonetta Agnello Hornby e Gianrico Carofiglio, magistrati tra cui Gherardo Colombo e Giancarlo Caselli.

Senza dimenticare, ovviamente, lo stesso Stefano Rodotà che sino all’anno scorso ha accompagnato il Festival del Diritto nel ruolo di responsabile scientifico, o l’editore Giuseppe Laterza che, insieme al Comune di Piacenza, dal 2008 ha promosso e organizzato la kermesse. Come scrive il sindaco della città emiliana, Paolo Dosi, “Piacenza, in questi anni, ha volato alto sulle ali di quell’aquila che è simbolo del Festival. E, non a caso, emblema di libertà”.